Compensi professionali dell’avvocato: forma e tempestività dell’opposizione a decreto ingiuntivo

Con sentenza 30 luglio 2019, il Tribunale di Bologna affronta, in primo luogo, il problema della forma dell’opposizione a decreto ingiuntivo (ricorso, oppure atto di citazione), e se il termine per la valida opposizione decorra dalla notifica dell’atto di citazione, oppure dal suo deposito in cancelleria.

Secondo il Collegio, l’opposizione, nell’ipotesi di crediti professionali dell’avvocato, va certamente introdotta con ricorso (ai sensi dell’art. 702-bis c.p.c. e art. 14, d.lgs. 150/2011); nel caso in cui sia (erroneamente) notificata citazione, l’errore non determina l’inammissibilità/tardività dell’opposizione, se l’atto è stato tempestivamente notificato al creditore, entro il termine di 40 giorni, dalla notifica del decreto ingiuntivo.

Disposto il mutamento di rito, da ordinario a sommario collegiale, il tribunale non applica, quindi, la regola secondo cui la citazione in opposizione va depositata in cancelleria (iscritta a ruolo) entro i quaranta giorni dalla notifica del decreto ingiuntivo, pena la sua tardività/inammissibilità. Ciò in quanto, in caso di errore nella scelta del rito, l’art. 4, d.lgs.150/2011 comporterebbe la sola conseguenza del mutamento del rito, ma non il prodursi di eventuali decadenze, e gli effetti sostanziali e processuali della domanda sarebbero regolati dalle norme del rito seguito prima del mutamento.

Il testo integrale della nota è pubblicato su Studium Iuris, 10/2020, pagg 1182-1185

Autore: Francesco Tedioli

Please wait while flipbook is loading. For more related info, FAQs and issues please refer to DearFlip WordPress Flipbook Plugin Help documentation.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.