La legittimazione passiva del venditore di un fondo rustico, in caso di riscatto agrario

Il venditore non è legittimato passivo in una causa di riscatto agrario, ma può essere chiamato in causa dal riscattato che agisce nei suoi confronti per il risarcimento dei danni (il rimborso delle spese della vendita e, in caso di dolo o colpa grave, anche il lucro cessante o mancato guadagno).

Giurisprudenza

Cassazione Civile, sez. III, 7-04-2023, n. 9604
L’acquirente che subisca lo spossessamento del fondo per effetto del vittorioso esercizio del riscatto agrario da parte dell’avente diritto può agire nei confronti dell’alienante per il risarcimento del danno ai sensi dell’art. 1483 c.c..

Cassazione Civile, sez. Unite, 1-07-1997, n. 5895
Legittimato passivamente all’azione di riscatto agrario – ai sensi dell’art. 8 della l. 26 maggio 1965 n. 590 – è esclusivamente l’acquirente (nonché “ogni altro successivo avente causa”) e non anche il venditore, che può, eventualmente, essere chiamato in giudizio dall’acquirente per far valere la c.d. garanzia impropria, e nei cui confronti, non si pone, pertanto, un problema di litisconsorzio necessario di carattere sostanziale.

assistenza legale nel
settore agricolo dal 1969