L’impugnazione del lodo arbitrale

Modalità, termini e motivi per impugnare il lodo arbitrale


Cass., Sez. I Civ., 18 maggio 2021, n. 13522
Nell’arbitrato irrituale, il lodo può essere impugnato per errore essenziale esclusivamente quando la formazione della volontà degli arbitri sia stata deviata da un’alterata percezione o da una falsa rappresentazione della realtà e degli elementi di fatto sottoposti al loro esame (c.d. errore di fatto), e non anche quando la deviazione attenga alla valutazione di una realtà i cui elementi siano stati esattamente percepiti (c.d. errore di giudizio); con la conseguenza che il lodo irrituale non è impugnabile per errores in iudicando, neppure ove questi consistano in una erronea interpretazione dello stesso contratto stipulato dalle parti, che ha dato origine al mandato agli arbitri; né, più in generale, il lodo irrituale è annullabile per erronea applicazione delle norme di ermeneutica contrattuale o, a maggior ragione, per un apprezzamento delle risultanze negoziali diverso da quello ritenuto dagli arbitri e non conforme alle aspettative della parte impugnante. Ne consegue che il lodo arbitrale irrituale non è impugnabile per errori di diritto, ma solo per i vizi che possono vulnerare ogni manifestazione di volontà negoziale, come l’errore, la violenza, il dolo o l’incapacità delle parti che hanno conferito l’incarico e dell’arbitro stesso.

Corte di cassazione, Sezione civile I, ordinanza 12 maggio 2021, n. 12677
In tema di arbitrato, la sanzione di nullità prevista dall’art. 829, primo comma, n. 11, cod. proc. civ. per il lodo contenente disposizioni contraddittorie non corrisponde a quella dell’art. 360, primo comma, n. 5, cod. proc. civ., ma va intesa nel senso che detta contraddittorietà deve emergere tra le diverse componenti del dispositivo, ovvero tra la motivazione ed il dispositivo, mentre la contraddittorietà interna tra le diverse parti della motivazione, non espressamente prevista tra i vizi che comportano la nullità del lodo, può assumere rilevanza, quale vizio del lodo, soltanto in quanto determini l’impossibilità assoluta di ricostruire l’“iter” logico e giuridico sottostante alla decisione per totale assenza di una motivazione riconducibile al suo modello funzionale (Nel caso di specie, relativo ad un giudizio arbitrale incardinato per la determinazione del saldo-prezzo relativo alla cessione di quote sociali di una società a responsabilità limitata, la Suprema Corte, nel dichiarare inammissibile il ricorso, ha ritenuto che la corte territoriale avesse correttamente applicato l’enunciato principio di diritto, evidenziando l’insussistenza del denunciato vizio di nullità ex art. 829, primo comma, n. 11, cod. proc. civ., e riscontrando invece che il lodo arbitrale era corredato da una motivazione che spiegava l’iter logico e giuridico seguito dal giudice arbitrale per addivenire alla determinazione del valore della quota ceduta).
Nello stesso senso: Corte di cassazione, Sezione civile VI, ordinanza 13 maggio 2021, n. 12731

Cass. Civ. Sez. un., 30 marzo 2021, n. 8776
La lettera dell’art. 828, comma 2, c.p.c. non dà in sé adito a dubbi o perplessità interpretative, fissando sin dal momento dell’ultima sottoscrizione degli arbitri il dies a quo per impugnare nel c.d. termine lungo. Ma anche gli altri criteri, richiamati dall’art. 12 delle preleggi, non conducono a una diversa conclusione. È infondato l’assunto dei ricorrenti, secondo cui dovrebbe darsi una lettura forzata ed antiletterale dell’art. 828, comma 2, c.p.c., fissandosi giudizialmente la decorrenza del termine annuale per impugnare dal momento in cui il lodo è conoscibile dalle parti, con conseguente incertezza del diritto, che in tal modo si determinerebbe.

Cass. civ. Sez. I 24-09-2020, n. 20104
La questione concernente il dies a quo del cd. “termine lungo” per l’impugnazione del lodo arbitrale, configura questione di massima e particolare importanza, atteso che diverse sono le soluzioni percorribili. Di talché, nella fattispecie, la causa veniva rimessa all’esame del Primo Presidente della Corte Suprema di Cassazione, al fine di valutare la sua eventuale assegnazione alle Sezioni Unite civili.

Corte d’Appello Roma Sez. IV, 22-06-2020
L’incompatibilità dell’arbitro di cui la parte sia venuta a conoscenza sia prima sia dopo la decisione arbitrale non può essere fatta valere mediante l’impugnazione per nullità del lodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.