Adesione del retrattato e pagamento del prezzo

Nel riscatto di riscatto agrario, l’efficacia della vicenda acquisitiva è sospensivamente condizionata al pagamento del prezzo in favore dell’acquirente, da effettuarsi entro tre mesi che decorrono dalla comunicazione scritta dell’adesione del terzo acquirente alla dichiarazione di riscatto o, nell’ipotesi in cui sorga contestazione, dal passaggio in giudicato della sentenza che riconosce il diritto.


GIURISPRUDENZA


Cassazione Civile, sez. III, 12-11-1994, n. 9552
Nel caso in cui il diritto di riscatto in favore del coltivatore diretto previsto dall’art. 8, della l. 26 maggio 1965 n. 590 sia esercitato con domanda giudiziale, quest’ultima anche se sottoscritta dal solo difensore, attraverso la procura alla lite rilasciata in calce o a margine, assume anche valore di manifestazione di volontà negoziale direttamente riferibile alla parte. Pertanto, il termine per il versamento del prezzo di acquisto previsto dal suddetto art. 8 decorre dalla comunicazione scritta dell’adesione del terzo acquirente o dall’adesione comunque manifestata nel corso del giudizio (nella specie, con comparsa di risposta).

Cassazione Civile, sez. III, 25-02-1993, n. 2381
In tema di prelazione agraria e di riscatto, qualora, nel corso del giudizio instaurato dall’avente diritto al riscatto previsto dall’art. 8 della l. 26 maggio 1965 n. 590, il compratore retrattato dichiari di aderire alla domanda del retraente, il termine trimestrale previsto per il pagamento del prezzo della l. 8 gennaio 1979 n. 2 decorre dalla data della dichiarazione di adesione.

La nostra specializzazione: IL DIRITTO AGRARIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *